Il festival

Ogni anno a Parma non è Natale senza Tutti Matti sotto Zero: dal 3 dicembre 2023 al 7 gennaio 2024 torna in scena per la sua IX edizione il Festival internazionale che dal 2014 riscalda le feste natalizie in Città con la poesia e il divertimento del circo contemporaneo e della magie nouvelle, nei teatri e sotto gli chapiteaux. Il Festival, realizzato da Grand Circus Hotel APS in collaborazione con Teatro Necessario Circo, centro di produzione di circo contemporaneo, con il prezioso contributo di Comune di Parma, Ministero della Cultura e il sostegno di Fondazione Cariparma e Fondazione Nuovi Mecenati, si svolgerà fino al 7 gennaio 2024 abitando, come è ormai consuetudine, il Parco della Cittadella con i suoi splendidi tendoni da circo allestiti per l’occasione e due sale teatrali della Città, grazie alla collaborazione con Fondazione Solares delle Arti/Teatro delle Briciole ed Europa Teatri.
Il programma prevede in scena 5 compagnie, alcune molto affermate e di successo, altre emergenti e di grande talento, con creazioni che spaziano dall’acrobatica al clown contemporaneo, dalla magie nouvelle al mentalismo, al teatro d’oggetto, per tutte le età e per tutti i gusti: un totale di 18 repliche, incluse 2 dedicate alle scuole, che illumineranno di umorismo, poesia e meraviglia i weekend di dicembre e i giorni delle festività.

 

LA MAGIE NOUVELLE

La magie nouvelle è un movimento nato in Francia alla fine degli anni ’90 ed esploso lì nei primi anni 2000 come fenomeno artistico che rivitalizza il genere magia con formule inedite, liberando la disciplina dai suoi limiti formali. Circo, teatro, danza, marionette, musica, arti plastiche, letteratura: la magie nouvelle si nutre del sapiente intreccio di forme artistiche diverse. Con emozione, poesia e humor, gli spettacoli di magie nouvelle stravolgono la percezione dello spazio e del tempo. Ecco perché la magia e il circo sono arti sorelle: in entrambi i casi il tema è sfidare i limiti del reale. L'artista di circo mette alla prova i limiti fisici del proprio corpo, la magia viene subito dopo, cercando di spostare i limiti fisici di spazio e tempo. Come per il nouveau cirque, l’aggettivo nouvelle sottolinea una rottura, un distacco dalla tradizione, per smarcarsi dall’estetica da cabaret o varietà.
Robert Houdin, inventore della magia moderna nel XIX secolo, pensava che il mago fosse un attore che interpretava il ruolo del mago, capace di dominare l’artigianato dell'illusione. Nella magie nouvelle invece chi è in scena porta la magia al pubblico per suscitare innanzitutto un'emozione, senza interpretare la parte del mago. Gli artisti di magie nouvelle concepiscono la realtà come materiale su cui intervenire, da manipolare. La sfida è far esistere ciò che non esiste, trasformare il mondo, attuando grandi sogni: volare, levitare, sparire… Gli artisti di magie nouvelle insomma producono un’esplosione della logica, sostituendola con il fantastico e l’irrazionale.

 

IL CIRCO CONTEMPORANEO

In principio erano le carovane dei circhi tradizionali, famiglie allargate che portavano in giro per il mondo la propria arte. Poi arrivarono gli animali esotici, le attrazioni da terre lontane, gli acrobati delle grandi scuole dell’Est. Infine negli anni ’80 la svolta, che porta la tradizione dello spettacolo viaggiante in Europa, soprattutto in Francia (e parallelamente nel Canada francofono), verso nuove modalità di creazione: dal circo spariscono gli animali, le attrazioni esotiche e al centro della scena torna l’artista, con ogni suo talento. Questa nuova forma di spettacolo viene definita circo contemporaneo o nouveau cirque e raccoglie l’esperienza delle avanguardie nelle arti performative, allargando i propri confini artistici e spaziali, invadendo le strade e le piazze. La definizione contemporaneo attribuisce alla disciplina inoltre una visionarietà legata al proprio tempo, al qui ed ora della società in cui avviene la creazione. In scena si dissolve la nozione di numero: i singoli atti di bravura sono al servizio di una creazione unica e multidisciplinare. Regia e drammaturgia diventano elementi importanti nel definire la traccia dello spettacolo, e gli artisti oltre che acrobati sono anche attori, danzatori, mimi. L’apprendimento di tipo familiare ed ereditario delle discipline, che comunque non cessa del tutto, lascia il posto a una professionalizzazione più istituzionale e a una maggiore disinvoltura nell’assimilazione delle pratiche.

 

EDIZIONI PRECEDENTI

 

Programma VIII° edizione 2022
programma tutti matti sotto zero 2022
 
Programma VII° edizione 2021
programma tutti matti sotto zero 2021
 
Programma VI° edizione 2019
programma tutti matti sotto zero 2019
 
Programma V° edizione 2018
programma tutti matti sotto zero 2018
 
Programma IV° edizione 2017
programma tutti matti sotto zero 2017
 
Programma III° edizione 2016
programma tutti matti sotto zero 2016
 
Programma II° edizione 2015
programma tutti matti sotto zero 2015
 
Programma I° edizione 2014
programma tutti matti sotto zero 2014